cinque per mille

Notizie da siti Amici

Facebook FanBox

Ricerca nel Sito Ulaia

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Login

Footer

Copyright © 2019 Ulaia Artesud. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

 

 

 Congresso Mondiale di Musicoterapia


Se non vedi il documento clicca quì

 

Musictherapy and social care si prefigge di introdurre la musicoterapia nei campi profughi palestinesi del Libano quale forma di intervento terapeutico verso i soggetti più deboli, soprattutto bambini che, sempre più numerosi, presentano disturbi psicologici e problemi nell’apprendimento e nello sviluppo psicomotorio.

 

Il progetto, diretto agli operatori dei  FGC (Centri di Ascolto Familiare) dell’ONG palestinese Beit Atfal ASSUMOUD, si prefigge di specializzare personale dell’ONG affinchè operi in modo autonomo e continuativo nei 5 Centri già esistenti: Beirut, Nahr el Bared, Beddawi, Saida, El Buss. Esso prevede un mese circa di seminari intensivi di formazione preliminare in Libano con lo start up dei cinque FGC e l’avvio delle terapie (giugno/luglio 2012), la supervisione periodica ad intervalli regolari fino al giugno 2013, e a conclusione, un seminario in Puglia con  la partecipazione di uno dei terapeuti palestinesi.   

Il coordinamento tecnico è a cura di Deborah Parker (MA musico terapia), presidente dell’Associazione Prima Materia.   

 

La musicoterapia, quale ulteriore strumento di intervento degli operatori locali, può, attraverso il suono, la musica, il movimento, costituire il grimaldello necessario ad aprire quei canali di comunicazione che permettono il recupero dei soggetti, favorendone potenzialmente anche il loro inserimento nelle varie realtà musicali già esistenti nei campi profughi del Libano.

 

 

Musictherapy and social care, fortemente richiesto dalla Beit Atfal Assumoud, è stato condiviso ed ampliato dall’Associazione per la Pace di Mola di Bari e da altre Associazioni locali, riscuotendo l’interesse del Comune di Mola di Bari ed il patrocinio della Regione Puglia.

 Attendiamo che le altre Istituzioni presso le quali “Musictherapy and social care” aveva riscosso interesse, possano contribuire allo start up del programma più ampio che punta a creare i presupposti per la nascita di un polo musicale “Senza frontiere” che, partendo dal Sud del Libano dove già opera la banda dei musicisti di cornamuse “Sumoud Guirab”, possa “scoprire” sia le barriere fisiche dei campi profughi palestinesi, sia le “apolidi” barriere psicologiche del disagio 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Donazione

 

 

 

 

 

  • Cinque per Mille

    A chi vuole indicare anche questa volta il Codice fiscale  ULAIA ArteSud onlus C.F. 973 518 90 583 nel riquadro delle ONLUS, chiediamo un altro adempimento:  VERIFICATE che proprio quel codice sia stato trascritto dalla vostra Azienda, CAF o commercialista sul retro del prospetto di liquidazione, in calce, nella sezione "messaggi" . E fatelo prima di firmare!    Grazie

  • Otto per Mille Tavola Valdese

     

autori palestinesi. libri e film

 

a cura di

 
Centro di Documentazione-Laboratorio Educazione Interculturale del Comune di Bologna   
 
 Wasim DAHMASH, 
ricercatore di Lingua e Letteratura Araba della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università degli Studi di Cagliari
 

Israele e Palestina: storia di un conflitto Bibliografia e filmografia, a cura del CD/LEI 

 
Opere letterarie di autori palestinesi tradotte in italiano, a cura di W. Dahmash

FILM