cinque per mille

Notizie da siti Amici

Facebook FanBox

Ricerca nel Sito Ulaia

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Login

Footer

Copyright © 2019 Ulaia Artesud. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

 

Dal 30 ottobre al 12 novembre abbiamo ospitato in Italia Abdullah Barakeh, coordinatore dell’area Nord Libano dell’ONG Beit Atfal Assumoud, organizzando, unitamente all’Associazione per la Pace ed Un Ponte per..una agenda molto fitta Non essendo riusciti ad accettare tutte le richieste di Comuni ed Associazioni interessati ad ascoltare la testimonianza diretta sull’opera di ricostruzione del campo di  Nahr el Bared, pensiamo di rinnovare l’invito al più presto.

In più occasioni Barakeh ha posto l’accento su quanto la congiuntura economica europea,  la crisi del Giappone e  le guerre in atto nell’area mediorientale, finiscano per ripercuotersi sulla già critica situazione dei palestinesi in Libano. Progetti avviati con successo negli anni precedenti dalla Beit Atfal Assumoud grazie agli aiuti internazionali, rischiano ora di rimanere senza finanziamenti per la gestione corrente.

Le ONG, sovvenzionate sempre di meno dalla cooperazione, non riescono ad assicurare la continuità necessaria al supporto dei centri per la salute mentale, cliniche odontoiatriche, kindergarten, consultori sociali, ecc. gestiti dalla Beit Atfal Assumoud a beneficio della fragile popolazione palestinese dei campi. E non è certo incapacità dell’Assumoud nel rendersi autonoma, ma evidente impossibilità: l’economia palestinese nei campi profughi libanesi, infatti, non potrà mai affrancarsi dagli aiuti internazionali fin quando il Libano non rivedrà la sua politica di esclusione sociale.

Questo ultimo tema è stato affrontato, in particolar modo, nell’incontro con la CGIL Campania, dipartimento internazionale, nel corso del quale ULAIA ha chiesto di intraprendere un percorso di mediazione e di impegno politico sul piano del diritto al lavoro, attraverso i corrispondenti sindacati libanesi.

Il nostro ospite è intervenuto alla giornata mondiale per la Pace e lo Sviluppo dell’UNESCO, tenutasi alla Città della Scienza di Napoli, dove ULAIA è stata invitata a presentare, nell’ambito delle “10 buone pratiche di cooperazione allo sviluppo, educazione alla pace e dialogo interculturale”, il progetto a favore della banda di cornamuse del campo di Burj al Shemali. Il saluto di Barakeh,  a pochi giorni dall’avvenuto riconoscimento della Palestina da parte dell’UNESCO, è stato accolto con un entusiasmo particolare.

 

ULAIA, insieme a Luisa Morgantini e Monica Maurer ha “fatto gli onori di casa” ad Abdullah, alla Casetta Rossa di Roma, dove ha organizzato il reading di brani tratti dal libro di Francesca Borri “Qualcuno con cui parlare”, interviste ad israeliani e palestinesi. Il lavoro è stato realizzato grazie ai Soci ed amici Tanny Giser, Alida Castagna, Carmelo Sudano e Marco Cinque.

 

Donazione

 

 

 

 

 

  • Cinque per Mille

    A chi vuole indicare anche questa volta il Codice fiscale  ULAIA ArteSud onlus C.F. 973 518 90 583 nel riquadro delle ONLUS, chiediamo un altro adempimento:  VERIFICATE che proprio quel codice sia stato trascritto dalla vostra Azienda, CAF o commercialista sul retro del prospetto di liquidazione, in calce, nella sezione "messaggi" . E fatelo prima di firmare!    Grazie

  • Otto per Mille Tavola Valdese

     

autori palestinesi. libri e film

 

a cura di

 
Centro di Documentazione-Laboratorio Educazione Interculturale del Comune di Bologna   
 
 Wasim DAHMASH, 
ricercatore di Lingua e Letteratura Araba della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università degli Studi di Cagliari
 

Israele e Palestina: storia di un conflitto Bibliografia e filmografia, a cura del CD/LEI 

 
Opere letterarie di autori palestinesi tradotte in italiano, a cura di W. Dahmash

FILM